Documenti: 40, Mostrati: 21 - 40

Progetto: Greek Sources in Swiss Libraries

Gennaio 2010 - Agosto 2010

Status: Concluso

Finanziato da: Stavros Niarchos Foundation (www.snf.org)

Descrizione del progetto: Nell’ambito del progetto «Greek Sources in Swiss Libraries» sono stati digitalizzati e messi a disposizione su e-codices 40 codici. La selezione include manoscritti di diverse biblioteche svizzere, tra cui la biblioteca abbaziale di San Gallo, la biblioteca abbaziale di Einsiedeln, la biblioteca di Ginevra, la biblioteca della Fondazione Bodmer a Cologny e la Burgerbibliothek di Berna. Il progetto si focalizza su tre tipi di manoscritti: manoscritti contenenti testi in greco dell’antichità greca, manoscritti con traduzioni medievali e moderne di classici greci e manoscritti con commentari medievali di opere fondamentali dell’antichità greca.

Tutte le biblioteche e collezioni

Preview Page
Einsiedeln, Stiftsbibliothek, Codex 324(1154)
Pergamena · 242 pp. · 16 x 16 cm · sec. X
Aristotelis Categoriae etc.

Si tratta di un manoscritto composito con testi di contenuto filosofico e retorico. All’inizio si trovano le traduzioni di Boezio degli scritti di Aristotele sulle Categorie e il Peri Hermeneias; segue poi lo scritto De Dialectica, ed i Topica di Cicerone con un commento di Boezio. (lan)

Online dal: 12.08.2010

Preview Page
Einsiedeln, Stiftsbibliothek, Codex 357(694)
Pergamena · 184 pp. · 21.5 x 16 cm · sec. XIII
[Honorii Augustodunensis], Imago mundi

Si tratta di un manoscritto composito; oltre all’incompleta Imago mundi di Onorio d’Autun sono contenuti vari testi di autori anonimi come il Nomina XI regionum, Divisio orbis terrarum, De anima, De anima humana, De origine animarum, De anima mundi, De origine animarum, e infine la Epistola Alexandri ad Aristotelem. (lan)

Online dal: 12.08.2010

Preview Page
Genève, Bibliothèque de Genève, Comites Latentes 269
Pergamena · V + 72 + V ff. · 18 x 12 cm · Italia, Napoli · 1467 e 1468
Diogene il Cinico, Bruto, Ippocrate, Lettere (tradotte da Francesco d'Arezzo e Ranuccio d'Arezzo)

Scritto a Napoli nel 1467 e 1468 per Roberto da Sanseverino, principe di Salerno, questa raccolta epistolare raccoglie delle lettere di Diogene il Cinico, di Bruto e di Ippocrate, considerati nel medioevo i veri autori delle lettere. Furono tradotte in latino da Francesco Griffolini Aretino e da Ranuccio d’Arezzo. Messo in vendita a più riprese nel corso del sec. XX, questo manoscritto fu acquistato da prestigiosi collezionisti. (jeg)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
Genève, Bibliothèque de Genève, Ms. lat. 76
Pergamena · I + 334 + I ff. · 30.8 x 21 cm · Parigi · fine del sec. XIII
Aristotele. Mosè Maimonide, De uno deo benedicto

Questo manoscritto, prodotto in un atelier parigino alla fine del sec. XIII, contiene la versione latina dei tredici trattari redatti da Aristotele, o considerati tali. Il volume termina con un frammento del De uno deo benedicto di Mosè Maimonide. Quaranta iniziali abbelliscono il testo, e una miniatura a piena pagina di Cristo in croce con Maria e Giovanni fu aggiunta sul verso dell’ultimo foglio. (jeg)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
Genève, Bibliothèque de Genève, Ms. lat. 92
Carta · I + 170 + I ff. · 30.2 x 21.8 cm · 1460-1480
Aegidius Romanus, De regimine principum. Esopo, Vita, Favole

Copiato negli anni 1460-1480, contiene il De regimine principum di Egidio Romano, ornato da una miniatura raffigurante l’offerta del libro al signore. Sugli ultimi fogli sono trascritte una Vita di Esopo e le Favole di questo autore, tradotte in latino da Rinuccio di Arezzo. Il manoscritto appartenne a François Bonivard († 1570) che fu priore del priorato cluniacense di S. Vittore a Ginevra. (jeg)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
Genève, Bibliothèque de Genève, Ms. lat. 124
Carta · 2 + 28 ff. · 24 x 16 cm · sec. XVI
Plutarco, De tranquillitate animi, traduzione latina di Guillaume Budé

Manoscritto del sec. XVI contenente la traduzione latina del trattato di Plutarco intitolato De tranquillitate animi, realizzata dall’umanista francese Guillaume Budé nel 1505; è preceduta da una lettera di questi indirizzata al papa Giulio II, destinatario della traduzione. Il manoscritto è sprovvisto di decorazione ma la rilegatura del sec. XVI presenta due scene consacrate alla Vergine Maria: la sua assunzione e la sua benedizione da parte della Trinità. (jeg)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
Genève, Bibliothèque de Genève, Ms. lat. 172
Pergamena · 108 + II ff. · 21.3 x 14 cm · Italia · metà o fine del sec. XV
Falaride, Diogene il Cinico, Bruto, Lettere (tradotte da Francesco d'Arezzo e Ranuccio d'Arezzo)

Realizzato in Italia alla metà o alla fine del sec. XV, il volume è una raccolta epistolare che raduna le lettere di Falaride, di Diogene il Cinico e di Bruto, considerati nel medioevo i veri autori di queste lettere. Furono tradotte in latino da Francesco Griffolini Aretino e da Ranuccio d’Arezzo. Una bordura ornamentale a bianchi girari accompagna l’inizio del testo di ciascun autore. Alla fine del volume sono trascritti due frammenti del De officiis ministrorum di S. Ambrogio. (jeg)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 817
Pergamena · 345 pp. · 25.9 x 19.4 cm · S. Gallo (parzialmente) · XI secolo
Aristoteles. Boethius. Remmius Favinus (?)

Copia delle Categorie (Categoriae) e della Ermeneutica (De interpretatione) di Aristotele in lingua latina, cui fanno seguito i relativi commentari di Boezio ad entrambe le opere. Tra i due è trascritto il poema di Remmius Favinus (?) sui pesi e le misure De ponderibus et mensuris. Il manoscritto, decorato da tre belle iniziali (p. 44, 203 e 221), è stato scritto nel sec. XI, almeno parzialmente nel monastero di S. Gallo. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 821
Pergamena · I + 96 + I pp. · 27.6 x 18.1 cm · S. Gallo · XI secolo
Boezio, commento alle Categorie di Aristotele; Ovidio

Manoscritto di uso corrente senza decorazione contenente il commento di Boezio alle Categorie (Categoriae) di Aristotele; scritto nel monastero di S. Gallo nel sec. XI. Sulle ultime tre pagine è trascritto l’inizio del De arte amandi di Ovidio. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 830
Pergamena · 490 pp. · 23 x 18.5 cm · Magonza · XI secolo, prima metà
Boezio. (Pseudo?) Boezio. Ekkehart IV

Codice miscellaneo per l’insegnamento scolastico, scritto a Magonza nella prima metà del sec. XI, forse portato a S. Gallo dal monaco Ekkehart IV. Questi fu occasionalmente maestro alla scuola della cattedrale di Magonza e arricchì il manoscritto di numerose glosse. Il codice raccoglie molti testi usati per l’insegnamento, come per es. una trascrizione del commento di Boezio all’Ermeneutica di Aristotele, la Topica di Cicerone, la Geometria I dello (Pseudo-?)Boezio e molte altre opere di Boezio come De differentiis topicis, De divisione, De syllogismis categoricis o De syllogismis hypotheticis. Alla fine del volume sono trascritti due corti testi di Ekkehart IV sulle Septem Artes Liberales: il De Boethio (p. 488) ed una allegoria delle Septem Artes Liberales (p. 490) sotto forma di istruzioni ad un orafo. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 831
Pergamena · 364 pp. · 25.2 x 17.5 cm · S. Gallo (?) · XI secolo
Boezio . Porfirio . Walafrido Strabone ecc.

Codice miscellaneo del sec. XI scritto probabilmente nel monastero di S. Gallo. Contiene soprattutto commenti di Boezio: alla Topica di Cicerone e all’Isagoge del filosofo neoplatonico Porfirio († dopo il 300), lo stesso Isagoge di Porfirio e vari altri testi. Tra questi per es. brevi scritti di Walafrido Strabone (Regulae metricae; una lettera con l’incipit Domino meo benedictus salus et vita) e del letterato romano tardoantico Mario Vittorino (De generatione divina). (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 833
Pergamena · 30 pp. · 23.4 x 12 cm · XII secolo
Commenti all'Isagoge di Porfirio

Trascrizione per l’uso privato di vari commenti anonimi all’Isagoge di Porfirio († dopo il 300) e da vari scritti filosofici di Aristotele e di Boezio; scritto probabilmente nel sec. XII. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 836
Pergamena · 209 pp. · 24 x 17 cm · XIII secolo
Aristoteles Latinus, De natura animalium tractatus XIX

Versione diligentemente annotata dell’opera di Aristotele De natura animalium tractatus XIX, nella trascrizione latina dell’erudito Michele Scoto († intorno al 1235); scritto nel sec. XIII e decorato da una iniziale istoriata I, parzialmente dorata, raffigurante un uomo seduto davanti ad un libro. Nel 1453 il codice si trovava in possesso di un Giovanni Kalb da Wangen (Allgäu); è rilegato in una legatura floscia. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 837
Pergamena · 44 pp. · 20 x 13 cm · XIII/XIV secolo
Isaak ben Salomon Israeli. Alkindus. Aristotele. Costa ben Luca

Manoscritto filosofico del XIII/XIV sec. con le versioni latine dell’opera Liber de definitionibus dell’ebreo Isaak ben Salomon Israeli che visse in Egitto e Tunisia († intorno al 932), dell’opera De quinque essentiis del filosofo e matematico arabo Al-Kindi (latinizzato Alkindus; † 873), del Liber de causis, erroneamente attribuito ad Aristotele, così come l’inizio dell’opera De differentia spiritus et animae del filosofo arabo Qusta ibn Luqa (latinizzato Costa ben Luca; 820-912). Il codice è rilegato con una legatura floscia danneggiata. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 839
Carta · A+179+B ff. · 22 x 16 cm · 1459
Nicolas Oresme, commento ad Aristotele

Trascrizione del commento ad Aristotele del filosofo e studioso di scienze francese Nicolas Oresme († 1382) Quaestiones super libros Meteororum; da quanto si legge nel colophon (f. 175v) terminato nel settembre 1459. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 1103
Carta · 275 pp. · 30 x 20 cm · Parigi · 1568-1569
Maurizio Enk, lezioni di Giacomo Valentino su Aristotele

Quaderno di studio del monaco di S. Gallo Maurizio Enk († 1575) con l’aggiunta delle lezioni del gesuita Giacomo Valentino (anche conosciuto come Giacomo de Borrasa; († 1581) sulle opere di Aristotele De physica, De caelo et mundo, Tractatus de elementis, De ortu et interitu e De anima; scritto nel 1568/69 in occasione del suo soggiorno di studio a Parigi presso il Collège de Clermont condotto dai Gesuiti. (smu)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 1117
Carta · 500 pp. · 20 x 15 cm · Parigi, Collegio gesuitico Clermont · 1565-1569
Testi per l’insegnamento universitario dal Collegio gesuitico Clermont di Parigi

Raccolta di appunti trascritti dal conventuale di S. Gallo Maurizio Enk (1538-1575) e da un suo non noto compagno, delle lezioni del gesuita spagnolo Giovanni Maldonato (professore di filosofia al Collegio Clermont dal 1564 al 1565 e di teologia dal 1565 al 1569) e di Giacomo Valentino (professore di teologia al Collegio Clermont dal 1565 al 1569). Gli appunti delle lezioni contengono, oltre ad una introduzione alla teologia, un commento ad Aristotele di Giacomo Valentino (Annotationes in libros Ethicorum). Il volume è rivestito da una rilegatura parigina in pelle di vitello sul quale è impresso un ex-libris in oro. (sno)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 1123
Carta · 155 ff. · 23 x 17 cm · Parigi, Collegio gesuitico Clermont · 1566
Testi per l’insegnamento universitario dal Collegio gesuitico Clermont a Parigi: Giacomo Valentino de Borrasa, S. J., Annotationes in libros Ethicorum

Raccolta di appunti delle lezioni del gesuita spagnolo Giacomo Valentino (professore di teologia al Collegio Clermont dal 1565 al 1569) sull’Etica di Aristotele, trascritti dal conventuale di S. Gallo Maurizio Enk (1538-1575). (sno)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 1131
Carta · 355 ff. · 23 x 17 cm · Parigi, Collegio gesuitico Clermont · 1566-1567
Testi per l’insegnamento universitario raccolti presso il Collegio gesuitico Clermont di Parigi: Giacomo Valentino de Borrasa, S.J., In Aristotelis Organon

Raccolta di appunti dalle lezioni del gesuita spagnolo Giacomo Valentino (professore di teologia al Collegio Clermont dal 1565 al 1569) sulla raccolta di scritti di Aristotele che vanno sotto il titolo di Organon, trascritti da Joachim Opser († 1594, conventuale di S. Gallo, abate dal 1577). (sno)

Online dal: 15.04.2010

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 1132
Carta · 128 + 138 + 320 pp. · 22 x 16.5 cm · Parigi, Collegio gesuitico Clermont · 1569
Testi per l’insegnamento universitario raccolti presso il Collegio gesuitico Clermont di Parigi

Raccolta di appunti di lezioni trascritte non come si supponeva finora da Joachim Opser ma dal conventuale di S. Gallo Maurizio Enk (1538-1575) e da vari suoi sconosciuti compagni. Il volume contiene, oltre a commenti su Aristotele del gesuita spagnolo Giovanni Maldonato (professore di filosofia al Collegio Clermont dal 1564 al 1565 e di teologia dal 1565 al 1569), di Giacomo Valentino (professore di teologia al Collegio Clermont dal 1565 al 1569) così come del gesuita scozzese Jacobus Tyrius (professore di teologia e filosofia al Collegio Clermont), altri testi sull’Aritmetica e la Geometria in parte anonimi. (sno)

Online dal: 15.04.2010

Documenti: 40, Mostrati: 21 - 40